Organi collegiali

È l’organo di riflessione e gestione, promotore dell’azione educativa ed evangelizzatrice della scuola. La composizione del Consiglio dell’Opera viene determinata per designazione di un organo della Provincia Marista Mediterranea, denominato COEM (Consiglio delle Opere Educative Mariste). I membri designati per quest’anno sono:

• Prof. Fr. Daniele Pardo (Direttore Generale e Preside Scuola Secondaria I e II grado)

• Prof.ssa Rosa Maria Viesi (Direttrice Scuola Infanzia e Primaria)

• Prof.ssa Alessandra Spagna (Preside Scuola Secondaria di I e II grado)

• Prof.ssa Ylenia Mischiatti (Coordinatrice del Dipartimento di Pastorale Locale)

E’ costituito da dirigenti, docenti, genitori, alunni e personale non docente; alcuni sono membri di diritto, altri eletti, come dettato dallo statuto proprio. Esplica funzioni di coordinamento, di verifica e di stimolo nel campo delle metodologie educative e dell’organizzazione generale. Esprime pareri sulle proposte e sulle richieste presentate, nell’ambito delle rispettive competenze, dagli altri organismi di partecipazione. Formula proposte per la migliore organizzazione e funzionalità dell’Istituto e per il miglior raggiungimento delle finalità educative contenute nel Progetto Educativo.

E’ un organismo scolastico preposto alla valutazione dei casi più gravi di mancanze disciplinari, e alla attribuzione di eventuali relative sanzioni. E’ composto dal Dirigente Scolastico, due docenti (il coordinatore della classe coinvolta e la prof.ssa Cristina Tarantino), il Presidente del Consiglio d’Istituto e il Presidente del Comitato degli Studenti.

Il Collegio Docenti è l’assemblea di tutti i docenti di uno stesso settore. Nella scuola stabilisce i criteri generali della programmazione educativa e didattica annuale e assume le relative delibere, anche in ordine ai tempi e alle modalità di attuazione e verifica. Si raduna all’inizio dell’anno scolastico e almeno una volta a trimestre.

Il Consiglio di Classe coordina l’azione dei docenti, in coerenza con gli obiettivi del P.E.I. e con i criteri stabiliti dal Collegio dei Docenti e fissati nel P.O.F. Il Consiglio di Classe è il centro propulsore della programmazione didattica ed è suo compito:

• L’individuazione degli obiettivi delle singole discipline per classe, in termini di conoscenze, competenze e abilità.

• L’individuazione degli obiettivi comuni e trasversali (cognitivi, affettivi e psicomotori), sui quali progettare eventuali interventi di carattere interdisciplinare.

• L’individuazione dei livelli di partenza, accertati con prove d’ingresso.

• La definizione delle metodologie e degli strumenti didattici.

• La definizione delle attività integrative, complementari ed interdisciplinari.

• L’indicazione esplicita di modalità, natura e numero delle verifiche per quadrimestre.

• La definizione dei criteri di valutazione.

• L’attuazione delle iniziative di recupero, sostegno e potenziamento.

• Il coordinamento didattico, per una equilibrata distribuzione degli impegni di studio degli allievi.

• La definizione di un comportamento comune degli alunni nei vari momenti della vita scolastica.

• La valutazione periodica e finale per le singole discipline e per il comportamento di ogni alunno.

Può riguardare una sola classe o più classi per l’intero corso. Ha il compito di confrontarsi sugli obiettivi educativi e didattici e sulle iniziative integrative, oltre a favorire la collaborazione scuolafamiglia. Di norma si riunisce all’inizio dell’anno scolastico, durante il mese di ottobre, per la presentazione della programmazione educativo-didattica annuale e quando se ne ravvisi la necessità o l’opportunità.

E’ composta da tutti gli alunni della classe. E’ convocata previa approvazione dell’ordine del giorno da parte del Preside. Di norma è guidata dai Rappresentanti di Classe, che sono gli interpreti presso la Presidenza e il Consiglio di classe dei vari problemi o delle varie proposte della classe. Una copia del verbale redatto va consegnata in Presidenza. Presso la nostra scuola è consentito lo svolgimento di una assemblea di classe al mese della durata di un’ora durante l’orario scolastico. Il docente dell’ora utilizzata è presente all’assemblea e contribuisce all’efficacia educativa e operativa della stessa.

E’ l’assemblea di tutti i rappresentanti di classe degli studenti, tra i quali viene eletto un Presidente. Ha il compito di proporre iniziative e dialogare con le varie componenti della comunità scolastica per il miglior andamento dell’attività. Si riunisce quando necessario, convocato dal Presidente previo consenso del Dirigente Scolastico, o dal Dirigente stesso.

Per la Scuola Primaria sono formati dai docenti delle classi parallele, fatta eccezione per il dipartimento di Inglese, che è costituito dagli insegnanti titolari e dalla lettrice madrelingua, che lavorano sul quinquennio. All’occorrenza si lavora per dipartimenti verticali formati da gruppi di insegnanti che si incaricano ciascuno di una materia o di un gruppo di materie affini. Per la Scuola Secondaria di I e II grado sono formati dai docenti allo stesso ambito disciplinare, coordinati da un docente nominato dal Preside e in raccordo con gli insegnanti dell’Infanzia e della Primaria. Hanno il compito di decidere:

• Gli obiettivi didattici delle discipline di pertinenza.

• I contenuti comuni, sia in senso orizzontale che verticale.

• Le metodologie più efficaci.

• I criteri di valutazione omogenei.

• Gli strumenti di valutazione paralleli, come la tipologia e il numero delle prove di verifica, la modalità e i tempi di correzione e la classificazione delle medesime.

• L’uso dei sussidi didattici, dei laboratori e dei libri di testo.

• Eventuali iniziative integrative e di approfondimento.

• Le strategie per garantire la continuità didattica per tutto il corso di studi della scuola.

Elenco dei dipartimenti attivati:

Dipartimento Umanistico
Coordina, organizza e definisce i percorsi di apprendimento e i criteri di valutazione nelle seguenti discipline:

– Scuola Secondaria di I grado: Italiano, Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione;

– Scuola Secondaria di II grado: Italiano, Latino, Geostoria, Storia, Filosofia.

Collabora con gli insegnanti dell’Infanzia e della Primaria nella programmazione didattica in vista di una continuità e gradualità dell’apprendimento. Studia e propone criteri di valutazione sempre più uniformati, pur considerando le diverse specificità delle discipline. Organizza opportuni corsi di recupero per le difficoltà di apprendimento evidenziate dagli alunni.

Dipartimento Scientifico-Tecnologico
Il dipartimento scientifico e tecnologico sviluppa l’acquisizione di competenze che, dall’osservazione e dalla descrizione di fenomeni della realtà quotidiana, rendano capaci gli alunni di rilevare dati significativi; favorisce l’analisi, l’interpretazione e lo sviluppo di ragionamenti sugli stessi, riconoscendo e risolvendo problemi di vario genere, individuando strategie risolutive appropriate e imparando a giustificare i procedimenti eseguiti, anche mediante l’uso di rappresentazioni grafiche, strumenti di calcolo e modelli interpretativi (fisico-matematici, atomici, molecolari, anatomici e fisiologici). Ha inoltre come finalità il progressivo inserimento delle tecnologie informatiche e comunicative nella didattica ordinaria. A tal fine studia le proposte di modernizzazione delle aule e delle strutture della scuola per adeguarle alle esigenze di una società sempre più tecnologica. Analizza il percorso verticale dell’insegnamento dell’informatica nelle classi e progetta i corsi per il conseguimento della Patente Europea del Computer (EIPASS).

Dipartimento Lingue Straniere
Riunisce gli insegnanti di lingua straniera della Scuola Secondaria di I e II grado, coordinandosi all’occasione con gli insegnanti di Inglese della Scuola dell’Infanzia e Scuola Primaria. Scopo del dipartimento è quello di raccordare e coordinare la metodologia e la didattica al fine di accompagnare l’alunno in un percorso formativo che lo porti ad acquisire adeguate competenze linguistiche dalla scuola dell’Infanzia alla Scuola Secondaria di II grado in un’evoluzione proficua e progressiva.

Dipartimento delle attività sportive
Coordina le attività inerenti all’educazione fisica e motoria dalla Scuola Primaria alla Secondaria di II grado. Organizza un’attività sportiva parallela alle ore di educazione fisica con lo scopo di avvicinare gli alunni allo sport individuale e di squadra. Si coordina con la Scuola Primaria attraverso il lavoro di istruttori di nuoto che affiancano il lavoro degli insegnanti di educazione fisica. Lo scopo del dipartimento è quello di accompagnare l’alunno in un percorso che lo porti ad acquisire conoscenze e competenze motorie e sportive dalla Scuola Primaria a quella Secondaria; favorisce inoltre l’educazione e la prevenzione finalizzate al benessere psicofisico degli alunni.

Dipartimento Artistico
Si pone come obiettivo il raggiungimento del corretto e proficuo rapporto fra le materie di insegnamento del settore (Arte e Musica) e i ragazzi, a volte portati a sottovalutarne sia la complessità che l’importanza. Le strategie d’intervento saranno naturalmente diversificate in funzione dell’età dei ragazzi e conseguentemente del grado di crescita raggiunto in un cammino che segue un filo di continuità.

Dipartimento di Pastorale Locale
È l’organo di riflessione e coordinamento di tutte le attività esplicite di educazione alla fede, di evangelizzazione e di promozione dell’inscindibile legame tra fede e cultura. Coordina il lavoro degli insegnanti di religione e promuove attività di spiritualità, approfondimento, e solidarietà, anche in base ai momenti forti dell’anno liturgico. La composizione del Gruppo di Pastorale Locale viene determinata per designazione di un organo della Provincia Marista Mediterranea, denominato COEM (Consiglio delle Opere Educative Mariste).

Dipartimento Psicopedadogico
Si propone come finalità quella di contribuire allo sviluppo integrale dei nostri alunni attraverso un lavoro coordinato con la Direzione, i docenti, la famiglia ed enti esterni. Si tratta di sviluppare programmi preventivi e complementari alla didattica in relazione alle necessità e alle richieste degli alunni. I principali obiettivi sono:

Realizzare un lavoro di tutoraggio con gli alunni con lo scopo di aiutarli ad affrontare le diverse situazioni che si possono presentare durante la loro vita scolastica.

• Aiutare gli alunni a sviluppare le loro abilità cognitive e socio-emozionali per favorire la loro integrazione nell’ambiente scolastico.

• Affiancare i docenti nella gestione dei casi più complessi.

• Orientare gli alunni nella scelta del loro futuro percorso di studi/lavorativo partendo da una conoscenza personale sia delle loro abilità sia dei loro interessi.

• Mediare eventuali conflitti che possono verificarsi entro l’ambiente scolastico (rapporto docenti-alunni-famiglia, conflitti tra compagni…).

• Attuare il Progetto di Continuità ed Orientamento della scuola (descritto in seguito)